Maghetta Streghetta – Under Distruction

Lo Scuoiattolo

*I Punti nevralgici del Post sono sotto quindi si può saltare a piè pari. E piè dispari, certo*

*Se non rispondete alla domanda finale mi accorgo che non avete letto neanche quelli e frigno.piango.mi dispero. Non necessariamente in questo ordine* plin plon. fine comunicazione di servizio

Lo Scuoiattolo è stato scarabocchiato velocemente ( e si vede) in volo con una matita senza temperamatite;  un coltellino comefacevanogliantichi non potevo di certo chiederlo, a meno di voler finire su tg4 intervistata da Emilio Fede nella rubrica speciale “La Siciliana fobica che voleva dirottare l’aereo presso  il primo parrucchiere  per sistemare la ridicola acconciatura ricciolosa dell’avvenente Hostess dalla voce orgasmatica”. Che sarebbe stata una bella rubrica tra l’altro. Più del “Il gusto del gelato che preferiscono gli italiani nell’estate più calda del millennio”, ma tant’è.

Anche se personalmente preferisco la rubrica “Fa tanto caldo che tutti mettono i piedini a mollo nelle fontanelle e un tedesco è stato arrestato perchè si toglieva i calli dentro la fontana di Trevi”, ma non credo importi a qualcuno. Importerà invece che alterno spesso le visioni fedesche a quelle di studio aperto perchè sapere che Paris Hilton ha fatto pace con Nicole Richie e le ha regalato una carrozzina da ventimila euro è una notizia che francamente mi rallegra non poco la giornata.

Cultura a parte, lo Scuoiattolo introduce un po’ il personaggio di Vam, che non so ancora se chiamare Vam o Van, in questa folle dicotomia che la contraddistingue. La dolcezza innocente di un esserino docile e indifeso pieno di paure unita ad un’insana follia splatteresca che le si perdona in un turbine di imbarazzanti no sense. Cresciuta tra schifidor verdastri a forma di manina, trovati nei pacchetti di patatine, da appiccicare su tutti i muri della scuola-di casa-dei parenti, e rock anni ottanta con video coloratissimi e a tratti allucinogeni e per di più avendo come migliore amico Freddy Krueger e Michael Myers, non è stato difficile sviluppare un amore insano nei confronti dell’orrore e del sangue. Esorcizzatore di paure e mostri e germe di un male che si cerca di combattere con quello che a tratti lo rende incomprensibilmente divertente ma al tempo stesso ferocemente  più angosciante: l’ironia.

Ricordo che alla mensa della scuola, avevo otto anni, con orrore le mie amichette sentivano i maschietti parlare della bistecca putrida e vermosa di Poltergeist. Tappandosi le orecchie, il naso e la bocca non riuscivano a deglutire quel riso al forno con la salsa emettendo striduli versi seguiti da non troppo occasionali “eccheschifo” “smettilasubito” mentre io al contrario incentivavo discorsi e ribattevo parlando dell’occhio della vecchia caduto nella minestra nel film cult più splatter che non si può. Perchè Poltergeist, Rosemary’s Baby, Non aprite quella porta-quel cancello-quella casa-appartamento, Psycho, l’Esorcista e chipiùnehapiùnemetta a me era concesso vederli.

Mamma e Papà  avevano ben pensato di non darmi delle regole, roba che poi si è rivelata catastrofica, e avevo a disposizione la televisione in camera ed ero io a decidere come-quando-perchè spegnerla. Se dovessi sedermi su un lettino da un bravo psichiatra, e dovrei farlo mi consigliereste voi, partirei da qui : dalla fonte del mio male di vivere senza regola alcuna; che per carità può essere maledettamente divertente ma un esserino picciuino picciuò deve essere indirizzato. Ed io sono stata sì indirizzata: verso il no sense assoluto. Dove tutto è permesso e tutto è concesso. Non significa che sgozzi scoiattoli e cavi bulbi oculari a vecchiette per inzupparli nel latte al mattino ma che ornitorinchi ricoperti da glassa al cioccolato nel decaffeinato, sì. Accettare la propria diversità e provare ad esorcizzarla perchè Vam possiede quella cattiveria priva di senso logico che in giornate di delirio ognuno di noi vorrebbe esprimere rompendo anche e femori a chi non sopportiamo più. Al collega dell’ufficio che ha preso le ferie quando occorrevano a noi per girare in moto con la fidanzata, alla collega che mangia chili di patatine e non ingrassa mentre noi lecchiamo foglie di insalata e prendiamo tre chili ma soprattutto a quello in fila alla cassa che con i suoi due litri di latte ci chiede se può passare prima dopo aver fatto passare quello con il barattolo dei pelati e ancor prima quello con il nelsen piatti e si sono fatte le quattro. Ed eri lì dalle due: alla cassa dieci pezzi, tra l’altro.

Vam non è stata studiata o pensata. Si è semplicemente seduta accanto a me e ha cominciato a raccontare lei, la sua famiglia e i suoi amici. Respingendola per anni e ancor più nel folle periodo vampiresco che caratterizza questo primo fine decennio del millenio invaso dai vampiri, che mi ha provocato un’idiosincrasia. Ho deciso di darle voce  senza troppi perchè per mettere a tacere alcune urla e offrendole succo d’arancia, perchè è emofobica e non riesce a bere sangue e ha sviluppato da poco un’allergia al succo di pomodoro che le provoca acidità, sono stata lì ad ascoltarla.

Perchè vedere personaggi viverti intorno può essere preoccupante quando sopraggiunge la razionalità ma non essendo sopraggiunta pur avendola aspettata rimane sì preoccupante, ma. L’attesa ci fa un baffo.

Diventiamo seri adesso con i consueti punti nevralgici:

1. Mi è stato detto che se bevessi caffè sarei una caffeinomane ma bevendo solo decaffeinato, perchè nonostante abbia ripreso a fumare MASOLOPERUNASETTIMANAMASSIMODIECIGIORNILOGIURO sono riuscita ad evitare il disastro  del limbo-caffeina, mi piacerebbe informare la nazione che è nata una nuova forma vivente di cui certamente non avevamo bisogno: la decaffeinomane

2. Se in terra straniera vi accorgeste che il vostro viso è stato invaso da eruzioni cutanee, peli sulle palpebre e sul naso, e colore gialliccio non preoccupatevi. E’ stato testato scientificamente che al vostro rientro tutto ritornerà nella norma. E’ “una questione di cambio dell’acqua per chi ha la pelle delicata” dice il dermatologo online. Sarà bene quindi ricordare poi di portare un autobotte con l’acqua “di casa” alla prossima partenza per essere pallide,  eteree e non pelose come primati. E credere che sia possibile viaggiare seguite da un autobotte: si può fareeeee (cit.)

3. Le dietorelle gommose alla liquirizia sono buone e non possiamo che prenderne atto. Prive di calorie e gustose donano al palato quell’ibrido affascinante fumoliquirizioso che potrebbe far impazzire ( di nausea) il nostro partner. Peccato poi scoprire che non è un caso se dopo la prima, la seconda, la quinta, la quindicesima volta rimangono attaccate fortissimamente nelle pareti della  cavità orale provocando lieve soffocamento. Ergo vanno mangiate con non troppa parsimonia per lasciarsi cullare nei momenti di sconforto ma non scartatene una senza avere almeno mezzo di litro di acqua accanto.

4. Se al vostro rientro tutti vi diranno “ah sei ingrassata. Stai meglio in viso !” significa che nel resto del corpo stai peggio. Ricordatevi quindi che la prossima volta sarà opportuno fare ingrassare solo il viso. Ma soprattutto accendete la motosega e salutate i simpatici amicicheguardanoidettagli squartandoli per poi gettarne i pezzi come concime nelle aiuole di casa. Se non avete una motosega sarà bene comprarla. Se avete una moto e una sega potrete sempre costruirla grazie alle uscite settimanali della De Agostini “costruire una motosega con una moto e una sega in cento meravigliosi fascicoli con uscita settimanale”, non entusiasmante quanto “costruisci il tuo orologio a cu cu ” di cui ci siamo occupati ormai trequattromaanchecinque anni or sono insieme a Mauro*

L’Angolo della Cultura Cinematografica

*Come saggiamente mi ha fatto notare Mauro su facebook L’Arancino con gli stivali gialli  indubbiamente non può che far  parte del cast, da oggi ad imperitura memoria, di Singin’ in the Rain. Ed è giusto divulgare il meraviglioso fotogramma. Da stampare e portare nel portafogli o se si preferisce da mettere sul comodino.

Per chi impavido volesse l’effigie con la i e senza i, ad alta risoluzione per una gigantografia da esporre come opera d’arte in salotto, sappia che è possibile.

Richieste di aiuto

Siete stati già meravigliosi non troppo tempo fa parlandomi delle vostre fobie. Per chi non lo avesse fatto e avesse quei tre minuti da perdere durante la pausa caffè non è che gli andrebbe di…? In qualsiasi caso, tre minuti sì o tre minuti no, grazie.

Annunci

37 Risposte

Subscribe to comments with RSS.

  1. Marco said, on 25/05/2010 at 09:41

    Un genio poco da fare

    • maghettastreghetta said, on 25/05/2010 at 09:57

      Non hai letto il post!

      scherzo 😛

      Ribadirò finoallafinedeimieigiorni che genio sì ma dell’idiozia.
      Un bacio

  2. Lookia72 said, on 25/05/2010 at 09:48

    Ah le fobie…. che belle compagne per la mia esistenza!
    Io ne ho così tante che ormai non riuscirei a vivere senza… ti dico le mie preferite:
    Ho la fobia di tagliarmi le unghie dei piedi! (oh! La fobia di tagliarmi le unghie dei piedi!!! – suona meglio)
    La fobia di rimanere soffocata mentre dormo e mi si tappa il naso e non riesco a respirare, finché non accendo la luce. – è tutto vero, chiedetelo a Simone!
    Ho la fobia di volare con l’aereo (e non ho mai visto Lost) ma non è vera fobia di volare, piuttosto di vomitare sul mio vicino – che mi pare una cosa molto molto maleducata!
    Ho la paura di veder morire le persone che invece io amo!
    Quindi se qualcuno che io amo si sente di star per morire per favore ammazzi prima me!
    Simone dice che ho paura di tutto. Infatti è vero, però questo non mi impedisce di fare. Tremante ma faccio.

    • maghettastreghetta said, on 25/05/2010 at 10:06

      Lookia grazie prima di tutto e Buongiorno e relativi bacetti e abbracci.
      Ho sorriso quando hai detto che ne hai così tante che non riusciresti a vivere senza perchè hai riassunto un punto nevralgico . Credo proprio*si traveste da psicologa da supermercato reparto frutta e verdura perchè è quello che preferisce* e comincia a vaneggiare:
      credo proprio che sia vero,dicevo, che il poi il male-i mostri e le fobie diventino così parte di te che non puoi più farne a meno. Nell’assurdità ti coccolano pure a volte.
      E il tuo “tremante ma faccio ” non può che rassicurarmi perchè al contrario io “tremante non faccio”, escludendo salire sull’aereo qualche giorno fa. Roba che se me l’avessero raccontato non avrei scommesso un centesimo . Ma ho le fobie pure delle scommesse e quindi 😀

      Quindi tu prendi l’aereo regolarmente? ti costringi?
      ma soprattutto cosa pensi? ( sì ne voglio approfittare)
      perchè convincermi di essere su un brucaliffo o su un treno ( ripetevo: sono su un brucaliffo alternandolo a sono su un treno) mi ha aiutato confermando che davvero il cervello sia come educare un cane ( mi perdoneranno i miei amichetti a 4 zampe perchè .educare un cane.suona malissimo)
      ( e qui viene roba psicologica altissima)
      che se gli permetti di fare i propri bisogni, salire sulle poltrone, tirare tende e frizzi e lazzi andrà dove vuole andare.
      se lo educhi: andrà dove vuoi tu.
      il problema è che il mio cervello è un alano gigante incrociato con un ciuauauauau ( che si scrive chiaramente così) . Un misterioso ibrido .
      E un guinzagliocollarecuccia a volte non riesco a trovarlo facilmente.
      * e ora Simone a testimonare sul banco degli imputati !

  3. PieceOfStar24 said, on 25/05/2010 at 10:06

    Aaaaaah le fobieee…quanto tempo hai? quanti caratteri ho?!

    Dunque..ho la fobia di ciò che striscia, da piccola mi bastava vedere serpenti su un libro che il libro veniva scagliato dall’altra parte della stanza in men che non si dica..(ora mi limito a sobbalzare e ad allontanarlo, dopo che ho pure tenuto in mano un pitone drogato in un circo, comehofattononloso).

    Ho la fobia di risultare pesante, di annoiare le persone e di perdere le persone a cui tengo.

    Ho la fobia di crescere troppo e quindi tutte le mattine prendo una sana dose di sindromedipeterpan 🙂 che non fa mai male.

    Da piccola ho avuto anche la fobia di Freddy Kruger sotto al letto per un bel pezzo e anche dei vampiri, ma adesso mi piacciono ahahahahah 😀

    Ho anche un po’ la fobia degli ascensori, non sono amante degli insetti (dei ragni) emh…basta dai 😀

    (sei un genio 😉 io voglio la gigantografia di mister arancino tipregotipregotiprego)

    • maghettastreghetta said, on 25/05/2010 at 12:51

      hotuttoiltempochevuoi.
      adoro i serpenti quindi noncelho
      di perdere le persone celho
      di risultare pesante celhoooo
      fobiadicrescerpiterpan celhooooooo
      Freddy è un adorabile burlone e non farebbe male ad una mosca, al resto sì. basta trasformarsi in mosca
      ascensoriclaustrofobiarilancio celhoooooo
      ragni no . li adoro

      Una gigantografia di mister arancino al tavolo di Star subitooooooooooo*gridò
      e anche duemila baci, ovvio

      • PieceOfStar24 said, on 25/05/2010 at 13:12

        sei un genio solo perchè ti ricordi di scrivere ogni volta Star con la maiuscola!! sallo!

        ti ho messo le foto su flickr così magari ti va via la fobia della pennina ottica 😀

        bacinottoli

  4. Lucia said, on 25/05/2010 at 10:49

    Sei una forza!

    • maghettastreghetta said, on 25/05/2010 at 12:48

      Lucia grazie *disse ripigliando il vestito da peperone rosso dall’armadio ricordandosi di comprare la versione estiva che questa in pile e pellicciasintetica forse non è più il caso

  5. gipuntoe said, on 25/05/2010 at 11:01

    l’hogia’dettochetiadoro? dimmi, l’ho gia’ detto???
    ecco la mia fobia (principale eh… ma anche no) e’ quella di perdere la memoria nei momenti piu’ decisivi della giornata. Tipo non ricordare la sequenza esatta caffe’zuccherosigaretta e quindi bere un caffe’ addolcito al tabacco! che poi e’ pure un’idea da provare 🙂
    cmq le motoseghe sono troppo retro’, oggi va di moda il machete, che poi fa piu’ chic e da quell’aria da avventurierointrepido alla Indy Jones 🙂
    dicevo… l’hogia’dettochetiadoro? dimmi, l’ho gia’ detto???

    • maghettastreghetta said, on 25/05/2010 at 12:55

      nonmihaidettochemiadoriuffaedifattinonerofelicepppppennniente.dimmelo e dim_pero okbasta.

      DOpo aver visto milioni di telenovelas venezuelane dove grecia colmenares ( e ti prego dimmi che sai di quello che sto parlando o giuro che ammazzo il primo passante) perdeva la memoria e non ricordava di essere buona e diventava lei stessa la gemella morta della sorella di sua madre della zia dell’australia trasferitasi in venezuela insomma roba complicata ma anche no…
      dicevo? ah si .
      ho sviluppato anche io la paura di perdere la memoria e non capire se è meglio:
      prima fumarsi il dietor e dopo inzuppare la sigaretta nel cappuccino o viceversa contando che il cappuccino mi piace ma mi sono imposta di non berlo perchè forse ho pure la cappuccinofobia adesso.
      il machete te ne do atto è molto più fascion se di hellokitty rosa con le perline ancor di più e va etto
      e ora adoriamoci vicendevolmente asserendo che scrivere vicendevolmente non è così semplice come potrebbe sembrare e lasciandosi assalire dalla vicendevolmentefobia.

      amiamoci. e basta.

  6. Paolo (big_paul77) said, on 25/05/2010 at 11:18

    mmmm… Le mie fobie… Le grandi altezze. Ma anche le piccole altezze. Non riesco ad affrontarle. Da bambino avevo paura dello scivolo perchè era troppo alto. Adesso sono alto come lo scivolo, quindi non vale più. La cosa assurda è che non ho alcun problema a prendere l’aereo… Anzi.
    E poi per un periodo ho avuto paura di diventare sordo. E questa cosa mi è costata la visita psichiatrica durante la visita militare… Ma questa è un’altra storia…

    Sappi che ti voglio sempre bene.

    • maghettastreghetta said, on 25/05/2010 at 13:10

      in primis sappi che ti adoro e ti voglio bene sempre anche io che è questa la cosa più importante.
      e che le puzzidollocomediavolosichiamano sono un ics costante nella mia testa e non vanno più via. diciamo tranquillamente che al momento sono la mia unica ragione di vita.

      Aereo.scivolo.uhm.altezze.
      fico.
      domanda stupida prima di pranzo e prima che si brucino le cose in forno: ma se lo scivolo fosse il doppiopiualtodite scivoleresti?
      facciamo il quadruplo.
      Sulla sordità voglio saperne assolutamente di più perchè essere fobian nuovan e mi piacen.
      mi sono convinta di saper parlare il teteschen.
      dimmi di sì.
      ti prego

      • Paolo said, on 25/05/2010 at 14:46

        No, più alto è lo scivolo, più ne ho paura. Terrore.
        Sappi che ho ordinato su ebay la living dead dolls di Freddy krueger. Ma non devi dirlo alla mia sposa! Che devo farle una sorpresa! 😀

  7. Luca said, on 25/05/2010 at 12:14

    Aracnofobico!

    e tu sei adorabile

    • maghettastreghetta said, on 25/05/2010 at 12:57

      adorabile tu con la tua aracnofobia che pare essere una di quelle più gettonate. ma ora che non ci sono più i gettoni come si dirà?
      riflettiamoci su.
      che poi davvero mi sono chiesta più volte come si possa aver paura di questi adorabili esserini zampettosi che vorrei fotografare con la macro per almeno venti ore consecutive ma anche di più.
      ma tutto quello che si riconduce agli animaletti è per me incomprensibile tranne se si parla di gatti e topi, ovviamente.
      e il ragionamento fa acqua da tutte le parti me ne rendo conto.

  8. Ireos said, on 25/05/2010 at 12:37

    Ma se Van/Vam e l’Arancino dovessero incontrarsi, che film verrebbe fuori?
    Chi vincerebbe?
    Un po’ come Alien vs Predator, o sono amici?
    Comunque:
    – proporrei una petizione per far fare sul serio una collana alla De Agostini o alla Achette con le dispense per costruire una moto sega (contando che la moto già ce l’ho, dovrei essere a metà dell’opera) perchè anche a me hanno detto “ah ma in faccia stai tanto meglio, sei più piena” e l’odio dai miei occhi è uscito fulminando il mio interlocutore e tutto ciò che si trovava nel raggio di 1 km.
    – ebbene si, io sono una di quelle che lecca le foglie di insalata e Odia chiunque sia in grado di mangiarsi un piatto di pasta senza accusarne il colpo.
    – La liquerizia fa venir voglia di fumare, infatti non capisco perchè uno dovrebbe smettere di fumare masticando bastoncini di liquerizia. La trovo una cosa sadica e masochista infatti le evito accuratamente e mi drogo di Alpenliebe (il risultato è disastroso)
    – le mie fobie…già le sai. L’elenco è lungo, molto lungo.

    Lovve
    Ireos

    • maghettastreghetta said, on 25/05/2010 at 13:05

      Proprio ieri hanno dato su italia uno credo Alien Vs Predator e mi sono sentita tanto tanto tanto normale dopo aver acceso la televisione su italia uno senzaskydigitaleefrizzielazzieparaboledifilmiraniani tanto da sentire un senso di vuoto e smarrimento.
      Per questo oggi vedrò uomini e donne. Per sentirmi la vecchia Giulia. Dove vecchia mi deprime oltremodo.
      Ovviamente mia amata tu proponi quesiti degni di nota che saranno in cima ai pensieri di questa tardamattinatachesiaccingeadiventarelunghissimopomeriggio.
      E riflettendoci credo che Mr Arancino dovrebbe entrare di diritto tra i personaggi della landa delle fobie.
      Magari con la fobia del riso, che suppongo esista perchè su gugol ho trovato un dizionario di fobie talmente lungo che esiste pure la paura di ticchettare sui tasti del pc.
      Roba che dovrebbe assalirmi per salvare l’intera umanità .
      Per quanto riguarda i punti ( e si sappia che io adoro i punti e fare tutto per punti e giurami che da oggi parleremo solo per punti )
      1. manca solo la sega e concedimi di potertene omaggiareunadielokiti. rosa con i lustrini magenta. teneprego*disse in ginocchio baciandole le clavicole. che è difficle ma posso farcela ( non chiedermi cosa sto dicendo ti prego )
      2. voglio sapere il nome e il cognome dell’indirizzo di chi ha osatodirtilastessacosachehannodettoame. tu truciderai il mio e io il tuo. non ci scopriranno MAIIIIII*rivoli di bava occhi sanguinanti rivolti al cielo con le venuzze in bella vista quasi a scoppiare. anzi no scoppiano e basta.
      . siamo unite anche in questo e potremmo formare un club dell’odio. perchè se mangiassi un piatto di pasta prenderei tranquillamente un chilo e mezzo . al contrario di persone che. no. taciamo. che è quasi ora di pranzo e mi sono appena convinta che il brodo vegetale sazia, è buono ed . è . ok posso piangerti sulla spalla?
      .Le alpenliebe sono il male assoluto convengo e provocano dipendenza . da quando si sono inventati poi quelle senza zucchero l’intera umanità è caduta nell’obliodellealpialpenlieboso. ho smesso di comprarle quando ho capito che due pacchetti non bastavano in poche ore.
      ma potrei ricominciare adesso che lei ha nominate..
      ok le voglio SUBITOOOOOOOO
      e sì . accendevo bastoncini di liquirizia un tempo.
      e non è detto che non lo farò.
      ma voglio le alpenliebe è ormai un dato di fatto
      . tra le tue fobie non c’è quella di amarmi vero?

      perchè se così fosse questo è il mio ultimo giorno sul pianeta terra.

      lovveassai.
      assai.

      • maghettastreghetta said, on 25/05/2010 at 13:06

        ticchetto così veloce da non rendermi conto che in due minuti ma anche meno stiro pappardelle assurde.
        chiedo venia fustigandomi con le alpenliebbeeee

  9. maghettastreghetta said, on 25/05/2010 at 13:30

    Star ho appena visto la notifica sul blackberry e corro a vedere subito dopo pranzo.
    Rispolvero nel frattempo la tavoletta grafica perchè ormai devo assolutamente provare.
    aprescinderedatutto*urlò salendo sulla scrivania e lanciandole una pioggia di cuoricini e stelle

    • PieceOfStar24 said, on 25/05/2010 at 14:04

      Ti terrò un corso accelerato di tavoletta! rispolverala SUBITIMMEDIATAMENTINFRETTA!!!
      Perchè visti i tuoi fumettini…tu puoi fare grandi cose eppoi ti chiamiGiuliaequindisaraibravissima buahahahaahahah (autostima, l’importante è crederci)

      • maghettastreghetta said, on 25/05/2010 at 20:09

        SIIIIIIIIIIIIIIIIIIIIIIIIIIIIIIIIII
        corso accelerato SIIIIIIIIIIIIIIIIIIIIIIIIIIIIIIIIIIIII

        ( sai che l’ho davvero rispolverata e ora la installo subito? )

        e ti bacio con viulenza.
        ovvio.

  10. ibernato said, on 25/05/2010 at 14:52

    non so perchè ma lo scuoiattolino mi ha ricordato gli happytreefriends

    http://htf.atom.com/

    un abbracciccione da far schizzare fuori le orbite

    • maghettastreghetta said, on 25/05/2010 at 20:08

      Odio gli happytreeefriends ma parlo senza conoscerli perchè ho avuto modo di vederne qualche pezzettino ma ino ino su sky.
      senza prestare troppa attenzione.
      ma dovrei vederli perchè generalmente quando non presto attenzione alle cose poi mi interessano non poco .
      cosastodicendoloso anche se non sembrerebbe.

      Le mie orbite stanno già sorvolando il cielo e sono finite sulla zampa del brucaliffo, sallo.
      che mi piacciono i tuoi aabbrraccci viulenti !

      un bacione Iber !

  11. Valentina said, on 25/05/2010 at 16:52

    Fobie fobie fobie. Sono riuscita a fare fuori nell’ordine quella del buio, quella di restare da sola (anche se la solitudine prolungata mi da ancora qualche fastidio ogni tanto), quella dei ragni e, in parte, quella degli insetti, quella di guidare, quella degli aghi e del sangue e quella di avere paura. Occhei si, ero messa un po’ male.

    Mi resta da debellare ancora quella di soffocare mentre mangio il prosciutto crudo o lo speck (si, colpa delle storie dell’orrore che ci raccontava mia madre -__-” infanzianegata), quella di cacciar giù pastiglie (e se andasse giù dal lato sbagliato?), quella delle bambole di porcellana con quegli occhi che brrr e quella delle montagne russe.

    Visto così il quadro clinico è da pazzia. Lo so. E infatti.

    Dimmi che Vam è amica di Vendetta http://www.makingfiends.com/ . Dimmelo. Mentimisenonècosì.

    • maghettastreghetta said, on 25/05/2010 at 20:07

      Buio noncelho
      restare da sola noncelho
      ragni noncelho
      insetti noncelho
      guidare noncelho
      aghi noncelho
      (cacchio sto andando bene !? )
      sangue noncelho
      paura celhounpochinomanoncelho
      soffocareconilcrudo noncelho ma ho quella di soffocare con l’arancia perchè davvero soffoco con l’arancia. e pure mia mamma e pure mia nonna e abbiamo stabilito sia una questione genetica.
      bambole di porcellana celhooooooooooooooooooooooooooo
      cacciargiulepastiglie latosbagliato celhooooooooooooooooooooooo
      montagne russo noncelho ma potreiavercela diciamolo.

      Ma vorrei adesso soffermarmi seriamente sulle bambole di porcellana perchè cappero quelle hanno davvero qualcosa che.
      E una volta me ne hanno regalata una con il vestito rosso di merletto enorme. con tante balze e frizzi e lazzi dentro una cesta di vimini.
      Non ricordo una notte tanto angosciante. Non ho mai avuto paura della notte e di quello che albergava in cameretta ma cielo quella notte.
      e poi tuppete ( arieccolo) è scomparsa magicamente *firulì firulà *
      ma non l’ho buttata NONONONO. l’ho solo poggiata dentro i rifiuti.
      che poi li abbiano portati via non è mica colpa mia.

      non conosco vendetta e questo fa di me una povera disgraziata.
      dimmelo.
      e ti mento con amore dicendo che sì: è amica di quellalichenonconosco ma che da oggi a prescindere da cosa sia venererò come lo yogurt vipiteno e lo yogurt 0.1 coop alla ciliegia.

      ( sai che anche io davvero mi convinco che le pillole siano finite nel lato sbagliato e che possano implodere come bombe e farmi morire nel giro di 3 minuti? )
      ( sei ipocondriaca come me? )

  12. Paolo (big_paul77) said, on 25/05/2010 at 16:56

    Come dicevo, la mia fobia del rimanere sordo risale ai tempi in cui ero un musicista fallito. Se fossi diventato sordo mi sarebbe stato impossibile continuare a suonare!
    Guarda Beethoven! Lui era sordo! E per tutta la vita ha creduto di essere un pittore!
    Si, parli tedesco benissimo, meglio dei tedeschi.
    Io lo so.

    • maghettastreghetta said, on 25/05/2010 at 20:02

      Ma beethoven non è un san bernando?
      ok la smetto.
      Adesso raccontami del musicista fallito ( lo sono anche io ) ti prego ( sì ok mi piace psicanalizzarti e allora? ce l’hai con me? EH? ce l’hai con me? *cosa sto dicendo?*)

      io so dire:
      icabeunga.
      icabetest.
      icgeenanause.
      ora seriamente stupisciti.

      • Paolo (big_paul77) said, on 25/05/2010 at 23:37

        Io… Rimango basito da tale conoscenza dell’idioma gemanico.
        Certo Beethoven era anche un cane…

        Il musicista fallito… Eccomi qua. Adesso sto cercando di ricostruire i pezzi di una carriera mai iniziata… Mi voglio rilanciare come vocalist. Però compererò ugualmente una chitarra. Perchè? Perchè sono un eterno indeciso.
        Psicanalizzami, ma attenta. Sono come Joker. E il mio blog mi da ragione. E ho tolto l’azzurro e messo i commenti recenti.

  13. PieceOfStar24 said, on 25/05/2010 at 20:42

    Non posso più replicare, ma perchèèèèèèè?!? mi strazio sighsob

    Dai su forza installa installa 🙂 ti insegnerò i miei segreti wahahahahahaha (adesso intanto penso a quali siano i miei segreti…)

  14. pani said, on 25/05/2010 at 22:23

    io sono troppo avanti con gli anni per avere fobie. Arrivati ad un certo punto ci si abitua a tutto o si schiatta.
    Potrei dire di avere delle idiosincrasie, una repulsione verso i “quant’altro” e gli “assolutamente sì”.
    Ma fobie…uhm…una volta controllavo bene il water prima di sedermici sopra.
    Ora l’unica fobia è quella di perdermi un post di maghettastreghetta.

  15. Elisabetta said, on 26/05/2010 at 00:22

    Io ho una sola fobia: le cimici, quegli insetti verdognoli e puzzosi che puntulmente vengono a guastare i miei autunni! Trauma infantile, rimbambimento giovanile, prossima senilità questo non lo so… So solo che appena ne vedo uno/a anche solo a sentirne il rumore rischio lo svenimento!
    (Comiunque una sola fobia mi sembra poca, credo mi darò da fare)…

    Complimenti alla tua genialità, BRAVA!

  16. Bibi said, on 26/05/2010 at 18:39

    In primis, non è vero. tu sei LaBella, qualsiasi cosa stia tentando di raccontarti da anni a questa parte, fidati di me. Ti fidi di me?

    Poi, delle mie fobie ne ho già parlato, ma diciamo che potrei continuare.
    Ho paura delle cavallette (lo sai già)
    Ho paura che mi cada la maschera.
    Ho paura del mare.
    Ho paura di litigare.

    Ah e nonostante mi strozzi regolarmente col prosciutto continuo a mangiarlo, quindi ho paura d’essere cretina 🙂

    Un esserino piccino picciò ha bisogno d’essere indirizzato, è vero, ma anche le troppe regole sono dannose.
    Però tanto qualunque cosa fatta dai genitori (in quanto genitori) è sbagliata. Non ci sono manuali, una cosa non vale per tutti, e le regole (appunto) cambiano di momento in momento.
    Però alla fine, se sei quella che sei, magari non hanno sbagliato così tanto. Secondo me no.
    Vam/Van potresti anche chiamarla Vamvan ma poi è troppo assonante con Van Damme, e non mi sembra il caso.
    Chiamarla Pirly no eh?
    Ok ci penso.

    Senti ma quando mi deciderò a scrivere un libro, farai le illustrazioni, vero?
    Almeno la copertina ti prego.

  17. Scribacchiando said, on 27/05/2010 at 00:07

    Paciarottamia! Vam ( o Van che dir si voglia) mi piace da impazzire, scuoiattolo incluso!
    I miei genitori di regole me ne imponevano, eccome! D’altronde ero un’infante ribelle che si lasciava irretire da film orrorifici per poi passare nottate insonni rompendo le balotas a papà e mamma perché “avevo le mie paure”. Ricordo, una sera, nella stanza della mia nonnina, riuscii a vedere, di nascostissimo, le prime sequenze di “Suspiria” ( poi intervenne matrema e spense il televisore) e… rimasi scioccata. Hai presente la scena del viaggio in taxi? Con i lampi e la ragazza che corre nel bosco e quella musichetta rassicurante. Ecco. Un trauma. Così per “La mosca” cronenberghiana. Passai mesi della mia infanzia con il terrore di trasformarmi in un’ enorme disgustosa tze tze che schizzasse vomito per ogni dove. Temo che la psicologa abbia ancora molto da lavorare sul mio caso umano… O_____o
    Fobie dici?
    Mmmh…sai che, a pensarci, non ne ho poi così tante? Strano…forse ho rimosso…( sarà così)
    La prima, e la più terrificante, è quella per api, calabroni, vespe, bombi e tutto ciò che è ‘insetticamente’ provvisto di pungiglione. Urlo. Come una pazza. Da ricovero.
    La seconda riguarda il formaggio. Se ne trovo una forma maleodorante vicino al piatto do in escandescenze.
    Poi…credo sia tutto, sai….Però… ci devo pensare ancora. Ti farò sapere.
    Gioiamia…cinque chili? Io non vorrei fare la scassaminchia più di tanto…ma dalle foto si coglie che effettivamente ci hai guadagnato. Eri…posso dirlo?….troppo troppo magra. Le barbabietole sono state un toccasana ( peli sul viso e colorito verdastro a parte). Certo, ora devi darti una regolata, ma non più di tanto (vedi digiuni drastici e sfacchianate da cardiopatia su tapis- roulant).
    Hem…scusascusa ( botte a Chiara!)…continuo a darti consigli neanche fossi tua madre. E’ che ti voglio bene e a volte sparo sciocchezze. Tappati le orecchie e non ascoltarmi. E procedi passo passo, assecondando le tue forze. Lo so: è tutto maledettamente difficile.E non ho intenzione di passare per l’amica saggia che dà consigli come una supponente primina della classe. Io le primine della classe le odio, ecco! E detesto la supponenza! Ti adoro pulcina…corro a inviarti un sms della buona notte. Una marea di baci ti travolga insieme ad altrettante coccole coccolose :)))

  18. maghettastreghetta said, on 28/05/2010 at 23:59

    iorispondoeh.
    rispondo.
    letto solo adesso pardon

  19. Lo Scuoiattolo « Gi's Kitchen said, on 04/01/2011 at 12:30

    […] Il Post lo trovi cliccando qui >>> […]

  20. […] par condicio mi  sembra doveroso buttar giù due righe su Phobialand. Già l’anno scorso con Lo Scuoiattolo , schizzo veloce fatto su un aereo al ritorno dall’inferno, avevo introdotto Vam. […]


Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...