Maghetta Streghetta – Under Distruction

Frutta, Fashion Aperitivi Naneschi e Piccoli Nanetti Urlanti Crescono

Sono giorni difficili i miei perchè avere a che fare con della frutta capricciosa, incapace di tenere ordinato il frigo, è francamente fastidioso. Trovare gli yogurt non perfettamente allineati e in ordine di gusto e scadenza può portarmi al baratro. Immaginare una bara a forma di aratro mi da sollievo, però. Non ticchetto velocemente (appuntamento alle 12.00 con delle rape per servizio fotografico; che qui si lavora)  per tediarvi con inezie che accadono in ogni famiglia e frigo ma per condividere un meraviglioso momento di vita vissuta che auguro singolarmente ad ognuno di voi.

Fermarvi per il pieno e trovare una vendita di Nani da Giardino di tutte le misure in un megastore dentro-fuori  l’abitacolo di un auto. Un imprenditore locale difatti ha sagacemente optato per un luogo frequentatissimo con un articolo allettante, giovanile ma soprattutto estivo. Perchè francamente dondolarsi sul terrazzo sotto le stelle o in giardino senza la piacevole compagnia di un Nano che può raccontarti la sua vita ricca di millenaria esperienza è una delle cose che annovererei tra “le dieci cose da fare durante la vita”.

Poco impavida, perchè il desiderio era quello di scendere e acquistarli tutti,  sghignazzando avevo deciso di fermare solo il tempo rubando un’immagine a cotanta intrapredenza impreditoriale. Mi sarei accontentata solo di quello. Estratto il cellulare dalla borsa in posizione di scatto ho temuto il peggio quando il simpatico omone ha cominciato ad agitare le mani. All’interno dei negozi difatti è severamente vietato fare scatti fotografici, ho pensato. Stavo chiaramente contravvenendo alla legge commerciale e se solo mi fossi avvicinata di più sicuramente sul faro anteriore sinistro avrei notato l’adesivo del divieto, continuavo a pensare.

Quando si è diretto verso me con passo deciso quasi ho rischiato il tracollo. Mentre riflettevo su quali parole potessero essere più adatte per scusarmi, oltre il finestrino è apparso un radioso sorriso senza incisivi e canini ma ugualmente sfavillante.

“Non è la prima che si ferma a fotografare i miei nani!”, mentre imbarazzata scorrevo i nominativi della rubrica per cercare la voce “Avvocato”. “Scenda!”, mentre pensavo che con la frutta avrei potuto fare L’Avvocato Avocado. “Ne prenda uno!”, mentre svaniva  l’immagine di me dietro le sbarre con l’accusa “fotografava all’interno di un esercizio commerciale mobile abusivo, sito all’uscita dell’autostrada,  nani da giardino e biancaneve senza consenso”.

I restanti venti minuti vanno inseriti all’interno del mio già ricco bagaglio culturale alla voce “esperienza da ricordare e raccontare ai nipotini in cerchio davanti al camino”. La passione per i nani, i lunghi viaggi in tutta Italia e addirittura il sogno di produrli lui stesso con la variante della fosforescenza così che possano avere anche una funzione illuminante, che si sa all’esterno è sempre una comodità. Fino ad allora la vergogna di questa mia insana perversione di voler rubare il nano illuminato natalizio (per chi, senza una ragione logica, mi conosce da un po’ sa purtroppo di cosa stiamo parlando) e possederne tantissimi per un’irrefrenabile voglia di trash è stata accantonata dall’entusiasmo e dalla genuinità dell’imprenditore nanesco. Facendomi riflettere nel piazzale di una pompa di benzina sulle bizzarie. Che non per forza devono trovare una giustificazione. Si hanno e vanno coltivate senza cercare spiegazioni o chissà altro per chi non. Dopo aver saputo gli orari lavorativi e quando lo avrei potuto trovare lì (Giovedì sera fino a mezzanotte e lunedì pomeriggio dalle quindici alle ventitre), senza badare a chi ci fosse intorno ho detto che avrei preso tutti i piccolini e due grandi. Spiegato che “I nani non vanno mai presi pari ! MAI ! solo dispari” ero già con lui davanti al portabagli con sette piccoli e tre grandi, chiedendoci se anche in questo caso dovevamo preoccuparci. ” Ma no. Non sono dieci. Sono sette e tre”. Rassicurata dalla logica numerica e dall’esperienza ci siamo ripromessi di rivederci, per completare la collezione o per un caffè. In futuro non dovrò neanche preoccuparmi se “ce l’ho non ce l’ho. Non mi ricordo”, perchè sotto i piedi hanno delle lettere di riconoscimento scarabocchiate con un pennarello. “Lei si segna la lettera e mi dice : mi metta da parte: K, ok? ” (sì. Ho anche il recapito telefonico alla voce “Il Signore dei Nani”).  E’ innegabile che qui si speri anche in un’edizione limitata.

 Tornata a casa ho dato loro un degno benvenuto perchè si sa dopo una giornata di duro lavoro, in autogrill o in miniera, un drink è più che meritato. Alcolico o analcolico che sia.

(la vogliamo ricordare così. Con la camicia da notte sopra il tavolo mentre si ustiona con le candele in formato ridotto per non mostrare la peluria sulle  gambe e la pancia gonfia dopo appena otto chili di anguria. I nani però sono accomodanti e gentili e non hanno badato neanche alla frangetta arruffata mentre servivo salatini orientali e patatine. Cose che rassicurano, insomma. Si può essere quello che si è. Senza vergognarsene)

Per la cronaca: sì. Qui continuano le trasferte settimanali per la  difficilissima Missione S.O.S tata, che mi vede protagonista con l’appellativo di Tata Iaia, emulando le gesta dell’odiosa Tata Lucia; grazie al cielo non devo indossare il tailleur a pois blu e bianco con collettone e calze settanta denari color carnecastoromortospiaccicatoessiccatoalsole. Credo che non ci sia bisogno di trovar parole. Basterà un riassunto visivo di Puntino in versione nanesca, con tanto di cappuccio, dove mostra tutta la sua capacità di far trascorrere ore liete e tranquille a me e la sua mammina.

Che siamo chiaramente FELICI di uscire per commissioni-pediatra-pannolini-finocchietto anti coliche-esoloilcielosacosa con i baffi, i capelli sporchi, una scarpa mia lei e una scarpa sua io (io 40/41, lei 37) . Ma il passeggino ormai sappiamo aprirlo, sì.

Io Sto con Brontolo. Per evidenti e lapalissiani motivi.

 

Annunci

29 Risposte

Subscribe to comments with RSS.

  1. Claudia said, on 02/07/2010 at 11:53

    Primaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaa

    ahahahhahahaha
    ti adoro !

    • maghettastreghetta said, on 02/07/2010 at 14:25

      A me questa cosa della primaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaa fa sempre sorridere un sacco.
      Ma anche due.
      sacchi.
      Grazie Claudia.
      Un abbracciostrettostretto.
      Ma sotto il condizionatore che fa caldo, maledizione

  2. marzia said, on 02/07/2010 at 12:08

    no non sta con brontolo, tu stai con me, ricordi sei mia e io sono gelossissima di quello che ti sta sulla maglietta, non è mica più bello di me sa? e poi non ha i miei occhi…
    pensa il nostro bambino con il tuo fisico la mia pelle e i miei occhi!
    (ecco se poi lo trovi già fatto io magari mi ci fidanzerei per perpetrerre la stirpe nanesca)
    ti amo!

    • maghettastreghetta said, on 02/07/2010 at 14:28

      Ti amo e non c’era bisogno assolutamente di specificare chi tu fossi, ammmore mio.
      Urge maglia con I’m with Nano Mondano, o sbaglio? *sbatte le ciglia appiccicate di mascara e manda bacetti
      L’amore trentennale per Grumpy non potrà sovrastare quello che nutro per i di tuoi confronti ( bello per i di tuoi confronti vero?dimmi di sì che non ho ancora pranzato e anche la scrivania sembra una meringa gigante da addentare)

      Non ho smesso un minuto di pensarti durante l’aperitivo nanesco.
      NEANCHE UN MINUTO.
      *amiamoci

  3. marzia said, on 02/07/2010 at 12:09

    nooooooooooooooooooo sono una deficente tutto quel pistolotto senza la firma non ha senso!
    sono io sono il tuo unico NANOMONDANO!

  4. PieceOfStar24 said, on 02/07/2010 at 12:26

    Ma…ma…a me è dall’asilo che mi chiamano Brontolo, sai? O_o chissà perchè, davvero non me lo spiego (ahahahahahahahahahahaha :D)
    La frutta è strepitosa e avrei voglia di dire che sei un genio ma poi risulterei ripetitiva e non mi piace esserlo…ma…sei un genioooooooooooo (lo sto gridando, sì.)
    Aniuei (che a noi l’inglese scritto bene ci piace e non poco, giusto?) la storia del Signore dei Nani è quasi commovente *-* e…il mio nano ha il lampioncino che cambiava colore ma ormai non riesco più ad aprire il vano delle pile. Ma è simpatico lo stesso eh 🙂
    Puntino è già un nanetto provetto (che rima simpatica,si molto proprio.) e si vede che ha un certo talento nel canto 😛

    (la foto con le candele è bellissima)

    Bacinottoli

    • maghettastreghetta said, on 02/07/2010 at 14:35

      La fascia Miss Lamento e Miss Brontolona ce la contenderemo a colpi di farfugliamenti lamentosi allora ! *faccia agguerrrritiiiisssima.
      Star ma la domanda è: anche tu urli su comodini e scrivanie? perchè io non posso gridare seduta o in piedi per terra. Ma solo su comodini e scrivanie. Questo dettaglio potrebbe decretare quel quid che ci unisce e unirà per sempre.

      Da quando mi hai parlato del tuo nano del giardino con il lampioncino non ho smesso di pensare che ANCHE io prima o poi ne possiederò uno. Anche se il sogno di rubare quello illuminato natalizio in quella villetta dove faccio agguati da ormai più di dieci anni rimane in assoluto ilsognoirrealizzabilediunavitaintera ma ce la faròòòòòòò*sul comodino grido. ovviamente.

      Dobbiamo far incontrare i nostri nani.
      E’ questa la grande verità di questo inizio settimana e non possiamo che prenderne atto.
      Per quanto riguarda il mostro ruttante..ahem . il cucciolo bellissimo ruttinoso ci sta dando dei nani da torcere.
      Piange ininterrotttttamente per ore.ore.e ore. E’ calmo solo quando si è in macchina.
      Qui si sta pensando seriamente di trasferirsi su di un camper e girare il mondo almeno fino a quando non sarà pronto per la prima comunione.
      Poi lo abbandoneremo in autogrill.
      (la foto con le candele fatta per sbaglio piaceva-comeconcetto-molto anche me. Se non ci fossi stata io 😀 se non avessi avuto quei capelli e la camicia da notte e le gambe non depilate. Mi sono ripromessa di farne una al più presto dopo essermi agghindata un po’ . L’idea delle candele come stelle. end e inglisc for as derarent sicrez. cepocodafà)

      che una valanga di bacinottoli nanosi ci travolga.

      • PieceOfStar24 said, on 02/07/2010 at 14:47

        Ebbè non ce la contenderemo, ma la condivideremo la fascia di Miss Lamento e Miss Brontolona, okkei? 🙂 non la vorrei mai tutta per me, ce la mettiamo e inciampiamo perchè non riusciamo a camminare fasciate dalle fasce (questa è geniale 😛 me lo dico da sola).
        Io mi arrampico sugli alberi per gridare generalmente, vado fino in cima poi stile marinaio appeso all’albero maestro grido, può andare? 😀
        Abbiamo il dettaglio del quiddd??? ce l’abbiamo??? eh? eh?
        Ma l’appuntamento allora? ù_ù ti rimando la mail? che devo fà? eh? (mando un rabbid viaggiatore legato a un piccione viaggiatore?)[piango se non me lo dici]

        Candele…idea di candelle stelle…e…svengo commossa *-*

  5. Marco said, on 02/07/2010 at 12:29

    Mi sento costretto a corteggiarti

    comprendimi

  6. Marta said, on 02/07/2010 at 12:31

    DEVI SCRIVERE TUTTI I GIORNI
    STO QUI AD ASPETTARTI PER OREEEEEEEEEEEEEEEEEEEEEEEEEEEEEEEEEEEEEEEEEEEEEEEEEEEEEEEEEEE

    103482103812 BACI !

  7. ireos said, on 02/07/2010 at 12:41

    Nell prima foto i Nani hanno un po’ l’aria imbarazzata come mai? Dopo sembra che la situazione si sia sciolta un po’, forse a forza di svuotare alcolici serviti iin fashionissimi bicciheri.

    Love

    • maghettastreghetta said, on 02/07/2010 at 14:39

      Amore mio ireosobaciottoso non posso nasconderti nulla.
      L’imbarazzo era dovuto al fatto che Nano D (perchè sotto il piede sembra proprio che si chiami così) aveva avuto una relazione con Nano F attualmente fidanzato con Nano E.
      Trovandosi allo stesso aperitivo ho temuto che qualcosa potesse andare storta.
      Non è poi così inusuale trovarsi tra un triangolo amoroso di nani con relative percosse e rissa ma.
      Ma non mi abituo mai.
      Fortuna ha voluto che Nano D avesse già intrapreso una liason con Nano U .
      Pare che Nano U però abbia avuto intrallazzi con Nano F.
      Credo proprio che Naniful andrà presto in onda su questi schermi. Dimmi che insieme a me divoreremo pop corn seguendo fisse come baccalà le 123129312039131231231 puntate della prima stagione.
      Abbracciate strette strette.
      (love è dir poco )

  8. Andrea said, on 02/07/2010 at 12:42

    Sei splendida
    quando scrivi e fotografi. Tanta stima TANTA

  9. Linda said, on 02/07/2010 at 14:54

    ahahahhahahahahahah

    adorabile!

  10. franzelin said, on 05/07/2010 at 13:03

    ahahaha, oddio, le fragole sono fantastiche!!! Come puoi mangiarle, dopo?!
    E comunque il passeggino ancora me lo faccio aprire prima di cominciare a babysitterare, che non sono mica capace di gestire bimbo-anguilla con manie di emulazione di Tania Cagnotto(ma anche del padre, va’) e passeggino con apertura a forza bruta.

    la koala Franzelin

  11. Mit said, on 06/07/2010 at 10:22

    Adorabile tu i nani la felpa e tutto !

  12. Lucia said, on 06/07/2010 at 15:36

    Amo leggerti !
    AMO !

  13. spazillimiri said, on 10/07/2010 at 19:42


    Fronzolo (il nostro nano sorbellesco con tanto di fragoline rifiutato dalla presunta padrona e adottato appunto in via sorbelli) spende parole d'ammore per te 🙂

  14. pancia gonfia said, on 12/10/2010 at 00:58

    W brontolo !

  15. […] Il Post originale lo trovi qui >> […]

  16. […] e piccoli. Li avevo acquistati dal signore che vendeva nani sul cofano della macchina ( non ci credi? diffidente! clicca qui!) e confesso. Un significato e un affetto particolare. Oggi mi ritrovo con cocci di nano da giardino […]

  17. Cinzia said, on 10/03/2012 at 16:01

    Oddio ma che mi sono persa??


Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...